La sede dell'Unione Accademica Nazionale - Villa Farnesina

Accademia Toscana di Scienze e Lettere «La Colombaria» - Firenze

Accademia delle Scienze - Torino

Istituto Lombardo, Accademia di Scienze e Lettere - Milano

Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti - Venezia

Accademia Nazionale di Scienze Lettere e Arti - Palermo

1
1

IL SITO WEB E’ IN AGGIORNAMENTO

L’Unione Accademica Nazionale (U.A.N.) fu istituita «con lo scopo di offrire la collaborazione italiana – anche attraverso un coordinamento di varie attività accademiche – alle ricerche e pubblicazioni promosse dall’Union Académique Internationale (U.A.I.), nell’ordine delle scienze filologiche, archeologiche, storiche, morali, politiche e sociali, in conformità agli statuti della predetta U.A.I.» (Cfr. R. D. 18 novembre 1923 [Statuto dell’U.A.N., art. 1], e L. 8 giugno 1949, n. 428, art. 2).

Quest’ultima era stata fondata a Parigi nel 1919 – per iniziativa dell’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres – come una federazione di istituzioni scientifiche di diversi paesi, che, nel più assoluto rispetto dell’autonomia di ciascuna, consentisse loro di unire le energie per la realizzazione di imprese particolarmente gravose e impegnative. La sede amministrativa dell’U.A.I. fu stabilita a Bruxelles, presso l’Académie royale des Sciences, des Lettres et des Beaux-Arts de Belgique. Da quindici che erano all’inizio, i paesi rappresentati nell’U.A.I. sono attualmente una sessantina.

L’atto di nascita dell’Unione Accademica Nazionale coincide con quello del Consiglio Nazionale delle Ricerche (C.N.R.), che aderiva invece al Consiglio Internazionale delle Ricerche, anch’esso con sede a Bruxelles (Cfr. R. D. 18 novembre 1923, n. 2895, art. 1). Al C.N.R. il legislatore attribuiva analoga struttura giuridica e affidava, per le scienze fisiche, funzioni analoghe a quelle che dovevano venir assolte, per le scienze morali, dall’U.A.N.
Soppressa nel 1938, con la creazione del Consiglio Nazionale delle Accademie, l’U.A.N. fu ricostituita nel 1949. L’attuale Statuto è stato approvato con D.P.R. 29 gennaio 1987, n. 1262. L’Unione ha personalità giuridica di diritto pubblico ed è sottoposta alla vigilanza del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBACT).